La magia del Natale è nella tua casa

La casa custodisce tutto ciò che per te c’è di più caro ed è proprio qui che vivi i momenti più intimi, quelli che vuoi condividere solo con le persone che ami. Uno di questi momenti, uno dei più importanti, è proprio il Natale, una festa che ogni anno attendi con gioia nelle settimane che la precedono e che trascorri volentieri nella tua casa. Non c’è posto migliore.

 

 

Natale significa, in latino, “nascita” e le origini molto antiche di questa parola richiamano, in greco, anche il termine “figlio”. Nascita e figlio sono due parole ricche di significato, che racchiudono il senso della vita e Natale è il momento più giusto per celebrarla, quello in cui ognuno di noi si concede più tempo per riflettere su di sé, sul proprio operato e sulle proprie scelte, giuste o sbagliate che siano. Questo attimo di silenzio e di pace ti serve per rigenerarti, ritrovarti e rinascere. Tu sei il più grande dono che puoi fare a te stesso e a chi ti ama.

 

Festeggiare il Natale vuol dire amare la vita e la tua casa può accoglierlo così come accoglie te. La tua casa ti rappresenta, grazie a essa hai un continuo dialogo con te stesso.  Le sue stanze sono le mappe nascoste delle tue emozioni e questa festa così speciale è una di quelle occasioni che ti aiutano a visualizzarle. Qui non esistono gesti formali, ma familiari. Soprattutto a Natale sei più propenso a condividere e non c’è proprio spazio per la solitudine. Una comunione che vivi con gioia insieme alla tua famiglia,  nel calore del focolare e di una tradizione a cui ti senti di appartenere profondamente.

 

 

 

 

Questo è il momento dell’anno in cui le tenebre sono più lunghe, ma è anche il momento in cui il buio inizia a recedere e le giornate iniziano piano piano ad allungarsi. Un momento di oscurità cosmica che attende la luce, che avrà ancora più forza per brillare. Sarà anche per questo che a Natale si usa addobbare la casa di luci e candele. Anche i tuoi occhi possono essere pieni di luce, gli antichi dicevano “occhi di lucerna”, in modo che tu possa cogliere tutto ciò che ti circonda e che a volte ti sfugge.

 

Nell’attesa di questo grande rito che affonda le sue profonde radici nel mito, nei tempi più antichi e nei ritmi del sole e della luna, la tua casa sembra trasformarsi con gli addobbi natalizi, come per evocare una dimensione quasi magica, di cui si intuisce un linguaggio che risuona come una eco lontana e che riconosci perché in fondo ti appartiene, anche se non sai bene come.

 

 

 

“Ho sentito dire come al cantare del gallo, gli spiriti vaganti nel mare, nel fuoco e nella terra, ritornano di gran lena ai loro nascondigli. Alcuni dicono che durante il Natale il gallo canti senza sosta, e per questo motivo gli spiriti non posso girovagare, le notti sono salubri e le fate non possono fare incantesimi, né le streghe possono fare fatture, tanto quel tempo è santo e colmo di grazia”.

 

Dall'Amleto, William Shakespeare

 

 

Leggi anche la news La vita in una stanza