Appartamenti in vendita a Napoli, annunci immobiliari

Cosa stai cercando?
13 risultati
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 1
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 2
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 3
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 4
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 5
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 6
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 7
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 8
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 9
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 10
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 11
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 12
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 13
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 14
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 15
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 16
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 17
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 18
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 19
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 20
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 21
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 22
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 23
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 24
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 25
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 26
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 27
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 28
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 29
Napoli: Appartamento in Vendita, Via Galileo Ferraris, 76, immagine 30
Appartamento a Napoli, Via Galileo Ferraris, 76
76 m²
3
1
100.000 €
Visita l’immobile copiando il link seguente: https://my.matterport.com/show/?m=YjaKQ8XCgdr “ APPARTAMENTO CON POSTO AUTO E CANTINOLA” Annuncio: Via Galileo Ferraris – proponiamo in vendita appartamento di mq 76 c.a. composto da: ingresso, soggiorno con balconata con vista vesuvio, cucinotto, 2 camere, bagno, ripostiglio, 2 balconi, 3 finestre, posto auto e cantinola. L’esposizione è esclusivamente esterna, dotato di riscaldamento autonomo, climatizzato. A poca distanza, troviamo stazioni Metropolitana, Circumvesuviana e ingresso Autostrada. Galileo Ferraris (Livorno Ferraris, 30 ottobre 1847 – Torino, 7 febbraio 1897) è stato un ingegnere e scienziato italiano, scopritore del campo magnetico rotante e ideatore del motore elettrico in corrente alternata. Biografia Figlio di un farmacista, Luigi Ferraris, e di Antonia Messia, cresce in una famiglia numerosa con tre fratelli e altrettante sorelle. Rimane però orfano di madre all'età di 8 anni e inizia così a istruirsi presso la casa di Torino di uno zio medico. Dopo aver frequentato il collegio di San Francesco da Paola di Torino, che sarebbe poi diventato il liceo classico Vincenzo Gioberti, si laurea in ingegneria civile a 22 anni e diventa assistente di fisica tecnica presso il Regio museo industriale italiano (il futuro Politecnico di Torino) a partire dal 1877. Dallo stesso anno fino alla morte fu anche professore di fisica alla Scuola di guerra di Torino[1]. Si dedica quindi agli studi dell'elettromagnetismo e nel 1885 riesce a dimostrare a un pubblico stupefatto l'esistenza di un campo magnetico rotante generato da due bobine fisse, ortogonali e percorse da correnti alternate della stessa frequenza e sfasate di 90°. La scoperta del campo magnetico rotante fu esposta ufficialmente in una nota presentata all'Accademia delle Scienze di Torino solo il 18 marzo 1888. In seguito nacquero alcune contestazioni sulla priorità di tale scoperta, soprattutto dopo che lo stesso Ferraris accusò lo scienziato serbo Nikola Tesla di frode.[2] Questi aveva già scoperto il campo magnetico rotante nel 1882 e dopo aver realizzato alcuni prototipi in Austria e in Francia, richiese il brevetto nel 1887. Due mesi dopo la pubblicazione della nota di Ferraris, Tesla ottenne 5 brevetti sulla costruzione dei motori asincroni da lui studiati indipendentemente. Vennero poi acquistati dalla Westinghouse Electric, e porteranno Tesla alla realizzazione dei motori elettrici su scala industriale e alla nascita di un importante settore industriale. Nel 1889 fonda presso il Regio museo industriale italiano una Scuola di elettrotecnica, la prima scuola di questo genere in Italia che successivamente sarà incorporata nel Politecnico di Torino. In questa scuola insegna fino alla sua morte. Nel 1896 Galileo Ferraris fonda l'Associazione elettrotecnica italiana e ne diventa il primo presidente nazionale. Nello stesso anno viene nominato senatore del Regno ma, tre mesi dopo, muore di polmonite a neanche 50 anni. È sepolto nel cimitero monumentale di Torino
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 1
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 2
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 3
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 4
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 5
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 6
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 7
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 8
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 9
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 10
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 11
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 12
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 13
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 14
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 15
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 16
Napoli: Appartamento in Vendita, Vico Pacelle Ai Miracoli ., 19, immagine 17
Appartamento a Napoli, Vico Pacelle ai Miracoli ., 19
76 m²
3
1
90.000 €
Nelle immediate adiacenze di Piazza Cavour e più precisamente in Vico Pacelle ai Miracoli – proponiamo in vendita appartamento di mq 76 commerciali di cui 70 mq interni e mq 3 esterni composto da ingresso cucina 3 camere e bagno. Possibilità di posto auto a rotazione nel cortile del fabbricato. Il rione Sanità è uno dei rioni di Napoli, facente parte della Municipalità 3 Stella-San Carlo all’Arena. Corrisponde ad un’area ubicata a nord delle mura vicereali di Napoli e precisamente a Nord del Borgo dei Vergini fino alle falde della collina di Capodimonte. Precisamente inizia da piazza Vergini e comprende la zona di Via Sanità, Piazza Sanità, fino alla zona dell'Ospedale San Gennaro detto dei Poveri. Storia Il famoso ponte della Sanità Il rione Sanità fu edificato alla fine del XVI secolo in un vallone utilizzato sin dall'epoca greco-romana come luogo di sepoltura. In questo rione sono sorti ipogei ellenistici e catacombe paleocristiane, come quelle di San Gennaro e San Gaudioso, stringendo una forte relazione tra uomo e morte che si è protratta nei secoli, dimostrata dal cimitero delle Fontanelle, adoperato per ospitare le vittime della grande peste del 1656. Già nel XV secolo era situato tra le amene campagne su cui oggi sorge il rione, presso la paleocristiana basilica di San Gennaro fuori le mura e un monastero abbandonato, un lazzaretto per appestati, quello che sempre dopo la medesima infausta peste del '56 fu ampliato e divenne l'attuale ospedale di San Gennaro dei Poveri. Perché sia stato collocato qui un ospizio per ammorbati lo si può riscontrare dall'etimo della zona, riconducibile alla sua salubritas sia naturale che sovrannaturale, dal momento che era allora incontaminata e sede delle catacombe responsabili di miracolose guarigioni. Inizialmente destinato ad accogliere importanti famiglie nobiliari e facoltosi borghesi della città (testimonianza di ciò, i maestosi palazzo Sanfelice a via Arena della Sanità e palazzo dello Spagnolo ai Vergini), col passare del tempo è diventata una delle zone più popolari di Napoli.